soldi

Il difficile rapporto degli italiani con il denaro: come migliorarlo?

di Lorenzo Volpi

wikilix
Accedi al gruppo Facebook Wikilix, al suo interno gni giorno decine di migliaia di partecipanti vengono aiutati da Luca e dal suo team a prendere decisioni più consapevoli sulle proprie finanze personali.

Quando si affrontano discorsi relativi alla giusta mentalità ed approccio nei confronti del denaro è sempre importante sgombrare il campo da tutta la fuffa motivazionale della “mentalità finanziaria”, delle rendite automatiche e del “crederci forte forte”. 

Fatta questa doverosa premessa – i soldi facili e automatici non esistono, e non c’è nessuna legge che ti renderà magicamente in grado di attrarli – la questione rimane comunque degna di nota: in Italia, molte persone hanno difficoltà a rapportarsi col denaro; quali sono le cause, e soprattutto come si può migliorare tutto ciò? 

Aziende

La mancanza di una prospettiva culturale adeguata 

Il primo problema – a monte di tutti gli altri – è quello di non avere dei riferimenti forti nel panorama culturale italiano in tema finanziario. 

Infatti, i pilastri su cui si sono rette le principali correnti di pensiero diffuse in Italia, dalla politica alla religione, hanno sempre visto in maniera critica temi come la proprietà privata e il libero mercato, e, in generale, hanno osteggiato il fiorire di una sana cultura dell’impresa e dell’investimento. 

Oltre a ciò, l’educazione finanziaria ha sempre avuto un ruolo di secondo piano, se non totalmente marginale, nella formazione scolastica e accademica. 

Un simile scenario ha portato a varie conseguenze: una su tutte, la creazione di una realtà a sfavore dell’investimento, che ha portato a una scarsa conoscenza e a una scarsa propensione dell’interesse sul tema.

Il risultato quindi è sempre stato quello di un investitore che tendeva a stare più lontano dall’ambito finanziario, e a prediligere generalmente scelte meno rischiose, o a cui è tradizionalmente più affezionato, come l’intramontabile investimento immobiliare.

Investimento immobiliare

Il problema, però, non è soltanto culturale, ma ha avuto conseguenze anche in ambito morale: a tanti di noi risulta spesso difficile, infatti, giustificare l’attenzione posta nei confronti del denaro. 

Sarà capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di incontrare difficoltà nel parlare di denaro, investimenti e spese con un familiare o un partner, trovandosi costretti a riconsiderare o addirittura sviare completamente il discorso (almeno fin quando non è diventato un problema più grande). 

Infatti, i blocchi culturali di cui abbiamo parlato in precedenza portano spesso a dover ridimensionare – a parole – l’importanza che diamo ai soldi e il peso che rivestono nei nostri obiettivi di vita, preferendo parlare di altri argomenti meno soggetti a critiche e giudizi.

Il timore di molti infatti è quello di dare troppa importanza ai soldi, non rendendosi conto però di dare spazio ad un problema ancor più grave e spesso più diffuso: quello di sottovalutare l’importanza effettiva che riveste il denaro nella propria vita. 

Questo comporta un problema evidente: infatti, negando a noi stessi quello che è il reale peso del denaro nella nostra vita, non saremo mai in grado di stare in equilibrio fra l’eccessiva paura di perderlo e l’avidità di guadagnarne di più.

Indagare a fondo il proprio rapporto col denaro, in realtà, non significa essere venali o materialisti, tutt’altro: significa lavorare per indirizzare i propri soldi ai giusti scopi ed obiettivi di vita. 

Non parlare di denaro, inoltre, ha un grande peso nei rapporti importanti: i soldi diventano infatti un problema in una quantità esorbitante di contenziosi, dalle eredità ai divorzi, passando per liti familiari di ogni genere; di fatto, creano problemi in ogni situazione in cui i patti e gli accordi sul denaro non sono stati resi chiari da subito.

Diventa quindi cruciale liberarsi dai preconcetti accumulati nel tempo e dedicarsi in prima persona alla cura della propria situazione finanziaria a tutto tondo.

Come fare?

Ecco alcune soluzioni.

Leggere

Considerare la finanza personale come un ramo fondamentale della propria cultura complessiva 

Molti testi finanziari sono dei veri e propri pilastri di crescita personale e culturale, in quanto la finanza personale è legata a doppio filo al comportamento e alla natura umana. 

Alcuni degli autori di questi testi trattano temi trasversali fra loro, in quanto sono psicologi come Daniel Kahneman, e filosofi, come Nassim Taleb. 

Ma anche gli stessi investitori e imprenditori più pratici del mondo finanziario come Charlie Munger sono dei veri e propri pozzi di scienza e filosofia. 

Leggere sotto questa lente il mondo finanziario potrà aiutare a darne tutt’altra visione: le conoscenze di finanza personale non sono soltanto qualcosa relativo agli esperti di finanza, o delle nozioni di carattere puramente tecnico e pratico. 

Sono parte del proprio bagaglio culturale e una conoscenza indispensabile per prosperare nel mondo di oggi. 

È fondamentale quindi evitare l’idea che siano delle conoscenze di nicchia, rivolte solo a chi è un esperto e appassionato di grafici e candele. 

Libri

Esporsi ad una diversa prospettiva 

Come visto prima, è molto improbabile che all’interno della nostra cerchia familiare e sociale ci troveremo a parlare liberamente di soldi, investimenti e finanza. Non è una critica o una condanna, ma un dato di fatto sul contesto che generalmente avremo intorno. 

Se ci troviamo in questa situazione, abbiamo quindi la necessità di trovare nuovi riferimenti. 

Il punto di partenza più accessibile è certamente quello delle letture: da un punto di vista di mentalità e approccio al denaro possono essere sicuramente utili testi come quelli che Tony Robbins ha scritto sul tema finanziario: “Soldi” e “Incrollabile”, scritti in collaborazione con un consulente finanziario indipendente, Peter Mallouk. 

Se non si ha mai avuto troppo a che fare con una realtà più diretta e schietta nei confronti del denaro e dell’investimento, possono essere un ottimo apripista per iniziare ad interessarsi a queste tematiche. 

In generale poi è sempre meglio non abusare dell’industria della motivazione, ma fin quando i contenuti sono solidi e attendibili – e il contributo di un esperto finanziario autorevole e indipendente li rende tali, in questo caso – sono sicuramente un valido supporto per entrare in un ordine di idee differente e scardinare alcune concezioni troppo limitanti che potremmo aver appreso restando a contatto con un ambiente in genere ostile ai discorsi sui soldi. 

Lo stesso discorso si può estendere ad altri libri sugli investimenti e in generale esporsi a contenuti che possano abituarci a parlare di soldi in maniera trasparente. Nel nostro lavoro di divulgazione, facciamo quotidianamente questo, sia sul gruppo Facebook Wikilix che all’interno del nostro podcast

Famiglia

I risvolti positivi di una nuova consapevolezza

Sviluppare questa nuova consapevolezza avrà quindi innumerevoli benefici nella propria vita finanziaria.

Per noi stessi, che saremo in grado di capire più a fondo quali siano gli obiettivi che ci legano alla ricerca del denaro; ma sarà utile anche e soprattutto in quelle situazioni delicate e importanti in cui il timore di parlare di soldi blocca discussioni di importanza cruciale. 

Nella maggior parte delle famiglie, come abbiamo osservato prima, i soldi non sono una preoccupazione fin quando non diventano un problema, e sono davvero molti i modi in cui possono diventarlo.

E il discrimine fra le situazioni equilibrate e quelle problematiche è proprio la capacità di affrontare con schiettezza e trattare in maniera trasparente le questioni da affrontare; la divisione dei beni e delle spese, come e quali risorse allocare per i figli, la pianificazione in termini di successione, solo per dirne alcuni. 

Una volta compresa, senza filtri, la reale importanza che diamo al denaro sarà una conseguenza naturale quella di essere maggiormente in grado di coinvolgere le persone con cui condividiamo questi fondamentali compiti di gestione e scelta. 

Non è un lavoro facile, ma dedicare tempo ed energie a questi aspetti è molto più importante di varie altre questioni che catturano l’attenzione molto più facilmente qua e là nel web; e per farlo, è indispensabile lavorare sulla propria consapevolezza e maturità nel rapporto con i soldi. 

E il primo passo che puoi fare per iniziare a prendere il controllo della tua situazione finanziaria è iscriverti al nostro gruppo Facebook Wikilix, dove ogni giorno condividiamo approfondimenti dedicati alla finanza personale e agli investimenti.

di Lorenzo Volpi

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

wikilix
Accedi al gruppo Facebook Wikilix, al suo interno gni giorno decine di migliaia di partecipanti vengono aiutati da Luca e dal suo team a prendere decisioni più consapevoli sulle proprie finanze personali.

Potrebbe interessarti anche

Entra nella community di riferimento per la finanza personale e gli investimenti.

Ogni giorno oltre 26 mila persone vengono aiutate da Luca e dal suo team a prendere decisioni più consapevoli sulle proprie finanze personali e i loro investimenti.

All'interno del gruppo troverai articoli, post, ricerche e notizie utili sul mondo degli investimenti spiegati in modo semplice e comprensibile da chiunque.

Entra nella community di riferimento per la finanza personale e gli investimenti.

Ogni giorno oltre 25 mila persone vengono aiutate da Luca e dal suo team a prendere decisioni più consapevoli sulle proprie finanze personali e i loro investimenti.

All'interno del gruppo troverai articoli, post, ricerche e notizie utili sul mondo degli investimenti spiegati in modo semplice e comprensibile da chiunque.