Accedi ora a WikiLixi - La più grande community italiana sugli investimenti finanziari dedicata a risparmiatori ed investitori.

Piattaforme di trading online:
il mio consiglio? Evita di essere il pollo spennato dal banco

Luca Lixi
Luca Lixi
Fondatore e CEO di Lixi Invest

Tabella dei Contenuti

C’è un consiglio che do sempre sul gruppo Facebook WikiLixi e che può essere applicato a ogni ambito della vita, compresa la scelta di una piattaforma di trading online; ogni qualvolta qualcuno desidera la tua attenzione, devi sempre chiederti “Cosa ci guadagna? Qual è il suo incentivo?”. Perché se questo non ti è chiaro, o se questa contropartita non sono i soldi, devi riflettere bene con che cosa stai pagando la transazione.

Ho provato Robinhood e…

Avrai sicuramente sentito parlare di Robinhood.

Si tratta di un’ azienda fondata nel 2013, 100% made in Silicon Valley (Menlo Park, dove ha sede Facebook), che vende una piattaforma di trading a zero commissioni per l’investitore.

Nel corso degli anni, la sua mossa commerciale ha costretto altre piattaforme di trading, come TD Ameritrade, Charles Schwab, Fidelity, a controbattere con la stessa offerta per non essere travolte dai costi 0.

Poiché non mi piace parlare di qualcosa senza averla testata in prima persona, l’ho provata alcuni mesi fa.

Piattaforma di trading Robinhood
Piattaforma di trading Robinhood

Attenzione: Robinhood non è ad oggi, febbraio 2021, disponibile per il mercato europeo.

Io ho potuto provare questa piattaforma perché detengo degli interessi negli Stati Uniti e posseggo i documenti necessari per poterlo fare.

Non provare quindi ad aprire un conto con loro:

  • perché non puoi;

  • perché neppure ne vale la pena.

Lascia che ti spieghi il perché.

Per un certo tipo di target, Robinhood offre una miscela esplosiva di 3 fattori con cui gioca molto bene:

  1. il guadagno, e fin qui nulla di nuovo dato che stiamo parlando di una piattaforma di trading;

  2. la gamification e la piacevolezza della piattaforma (rispetto invece a certe piattaforme di trading italiane);

  3. la capacità di tenerti assorbito, ingaggiato, con la voglia di tornarci (esattamente come accade per i social network) per schiacciare bottoncini colorati e vedere che succede.

Questi tre fattori sono affascinanti per qualunque essere umano, poiché toccano chiarissime e fortissime leve motivazionali.

Il desiderio di guadagnare (1) e il desiderio di intrattenersi (2), che fanno tornare continuamente nel posto dove questo è possibile (3). 

Il tutto nella totale assenza di frizioni particolari o complicazioni.

Da una parte, ben venga la concorrenza e le nuove piattaforme innovative.

Ben venga che questi servizi abbiano fatto avvicinare al mercato milioni di 20enni che fino a poco tempo fa consideravano la Borsa una roba degli anni ’80.

Tanti di loro bruceranno soldi, ma alcuni impareranno la lezione e saranno futuri buoni investitori (pure io a vent’anni ne ho fatte di cavolate, e pure con i soldi).

Tuttavia, ci sono delle cose che devi tenere assolutamente presente quando ti approcci a questo tipo di piattaforme o strumenti.

Ora ti spiego quali sono.

Piattaforma di trading

Che cosa considerare quando devi scegliere una piattaforma di trading

La prima cosa che devi ricordare è questa: esattamente come accade per i social network, se non paghi per qualcosa, vuol dire che il prodotto sei tu.

E anche per Robinhood vale la stessa cosa.

La piattaforma lucra infatti vendendo gli ordini di acquisto e di vendita ad altri market maker (come Citadel), che dal canto loro lucrano a loro volta sullo spread bid-ask, ossia sulla differenza tra il prezzo che un compratore è disposto a pagare per quel titolo (bid)  e il prezzo che il venditore chiede per un titolo (ask).

Devi inoltre considerare che gli ingegneri della Silicon Valley sono profumatamente retribuiti per massimizzare il tempo che trascorri su queste piattaforme, e il numero di ordini di compravendita che fai.

Cosa credi che siano le azioni regalate da Robinhood, o i bonus regalati dai broker forex e cfd, o semplicemente le offerte sempre più stracciate a commissioni zero?

Sono l’esatto equivalente del gin tonic offerto gratuitamente per i casinò di Las Vegas.

Quindi, nei limiti del possibile, preferisco evitare che il mio tempo e il mio denaro vengano aggrediti da algoritmi e sistemi progettati da persone decisamente molto in gamba, che hanno come unico obiettivo quello di spillarmi tempo e denaro.

L’altra cosa da ricordare è che una piattaforma di trading, come anche tutti gli strumenti finanziari che vengono trattati al suo interno, sono semplicemente piattaforme e strumenti.

Come i social network, la loro utilità, inutilità o addirittura nocività dipendono dall’utilizzo che ne viene fatto.

Da un punto di vista della finanza personale, il consiglio è di trovare un compromesso tra la facilità di utilizzo della piattaforma di investimento o di trading, affinché non diventi un supplizio fare il login ogni volta, tra cose che non funzionano, bug informatici e reportistica poco chiara.

Ma evita che questo si trasformi in un grande casinò online.

A meno che tu non voglia fare la fine del pollo spennato dal banco.

Casinò

Il corretto approccio all’investimento in azioni

Non dimenticare però che la Borsa non è necessariamente una bisca.

Se non sei tu a volerla trattare come una bisca.

Il mercato azionario, nonostante bolle e ribassi epocali, è ancora di gran lunga il luogo che ha portato i maggiori rendimenti a chi ha saputo affrontarlo, e che, nel lungo termine, è molto più legato ai fondamentali economici di quanto tu possa immaginare.

Non l’investimento in immobili.

Non l’investimento in oro.

Non la speculazione in investimenti alternativi, come diamanti o orologi.

E ancora non titoli di Stato, né conti deposito.

Ma azioni, ovvero quote del capitale sociale di aziende.

Non esiste modo migliore per preservare il proprio capitale dall’inflazione e farlo crescere nel lungo termine (almeno sul pianeta Terra).

Questo non significa che da adesso ti devi buttare a capofitto nel mondo delle azioni, con tutto il tuo capitale, senza sapere quello che stai facendo e acquistando solo “d’istinto”.

Non è così che ci si approccia all’investimento in azioni singole.

Che va invece affrontato solamente con i soldi che ti avanzano dopo aver coperto le esigenze assicurative, di liquidità, di emergenza, di acquisti programmati, di investimento di lungo termine.

E questo è esattamente quello che facciamo, con grande piacere e soddisfazione, all’interno della membership The LiX-Files, insieme a tutta la nostra community di investitori.

Perché abbiamo la consapevolezza che non ci romperemo mai l’osso del collo, che non andremo in rovina, che non ci piangeremo addosso per scelte sbagliate, e che non ci busseranno mai a casa con le pistole per chiederci di saldare i debiti di gioco contratti nella foga speculativa.

Questa serenità è peraltro salvifica, perché ci permette di approcciare il mercato in modo più freddo, distaccato e razionale.

Che è uno dei più importanti fattori di successo.

Clicca qui per accedere alla membership The LiX-Files.

P.S. Alcune intuizioni che ho avuto dall’utilizzo diretto di Robinhood, puoi trovarle confermate scientificamente e accademicamente in un paper recentissimo di Barber e Odean, che puoi leggere qui.

Alla tua sicurezza e prosperità finanziaria,

Luca Lixi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su print
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti