Accedi ora a WikiLixi - La più grande community italiana sugli investimenti finanziari dedicata a risparmiatori ed investitori.

La mentalità vincente dell’investitore di successo

Luca Lixi
Luca Lixi
Fondatore e CEO di Lixi Invest

Tabella dei Contenuti

Rendite passive, entrate automatiche, “guadagna mentre dormi in modo facile e veloce”. Questo è quello che viene venduto dalla maggior parte della formazione finanziaria. La verità è che, con questa mentalità perdente da opportunity seeker (cercatori di opportunità), l’unica cosa facile e veloce che otterrai sarà solo l’autostrada verso il fallimento finanziario. Perché il giusto assetto mentale che caratterizza qualsiasi investitore di successo è diametralmente opposto a quanto pubblicizzato dai sostenitori del concetto di “libertà finanziaria”. Ti spiego tutto in questo nuovo articolo del blog.

Meme

La favola della libertà finanziaria

Ti svelo una cosa.

La favola della libertà finanziaria, che ha caratterizzato e caratterizza anche oggi una grande fetta della formazione finanziaria mondiale, è una grandissima stupidaggine.

La prospettiva di raggiungere la libertà finanziaria con rendite passive o automatiche è una cosa che attrae:

  1. persone poco abbienti, che non riescono a pagare le bollette e non vorrebbero più avere problemi finanziari;

  2. impiegati frustrati, che per 8 ore al giorno fanno qualcosa di ripetitivo che non vorrebbero più fare;

  3. opportunity seeker, che di base non hanno voglia di lavorare (o non hanno competenze), e vivono il shogno dell’assegno che arriva a casa puntuale ogni mese.

Se non ti riconosci in queste tre categorie (soprattutto per la mentalità perdente, non tanto per la specifica condizione), butta via una volta per tutte questa roba.

È roba che andava di moda negli USA negli anni ’80.

Non se la fila più nessuno da secoli.

Non conosco nessuno con i soldi che passa tutta la sua vita sul divano, a pesca sul molo, a osservare cantieri, a guardare video di gattini su Facebook o a contare i soldi che ha sul conto.

Altra cosa estremamente importante.

Non esistono rendite vere che si possono ottenere senza asset.

Certo, “creare soldi dai soldi” è corretto.

Ecco, prima di farlo però, ce li devi avere i soldi.

Pensare il contrario, come ti viene venduto dai ciarlatani, sarebbe come pensare di avere dei frutti (il cash flow, il flusso di entrate) senza possedere un albero di proprietà (il capitale, il patrimonio, gli asset in generale).

Prima di pensare alla raccolta dei frutti, devi pensare alla semina e poi alla crescita dei tuoi alberi e delle tue piante.

Mentalità

La corretta mentalità

Ora che ti è chiaro che il shogno della libertà finanziaria è solo una favola, ti spiego qual è invece il giusto assetto mentale che dovresti avere in qualità di investitore.

Partiamo dal presupposto che i più grandi investitori non sono degli scansafatiche lazzaroni che sognano la rendita automatica dal divano.

Non sono delle persone che rinunciano alla propria indipendenza e libertà per accontentarsi del giusto e dell’onesto.

Non sono delle persone che credono nella possibilità di guadagnare senza rischio.

Non sono delle persone che se la fanno sotto appena arrivano le prime nubi.

Non sono delle persone che abbandonano la nave durante la tempesta.

Se vuoi ispirarti o copiare Warren Buffett, fallo per le cose giuste e sagge che ha detto in decenni di carriera e non per copiare il suo stile di investimento (perché, come abbiamo visto in questo articolo qui, imparare a investire come Warren Buffett è impossibile).

E tra gli insegnamenti più saggi che il più grande investitore del mondo ha condiviso, vi è sicuramente questo:

Citazione

I più grandi investitori sono anche degli imprenditori.

Per imprenditore, in questa sede, non intendo necessariamente i fondatori di una SpA da 100 milioni e 1.000 dipendenti.

Sto dicendo che i più grandi investitori sono coloro che hanno una mentalità imprenditoriale.

Le 3 caratteristiche della mentalità imprenditoriale

Quando parlo di mentalità imprenditoriale non mi riferisco di certo a quelle sciocchezze che hai inserito nel curriculum europeo, insieme a empatia, capacità di problem solving e team building.

Bensì a tre caratteristiche che tutti gli imprenditori di successo che conosco, e fortunatamente ne conosco tanti, hanno (e, guarda caso, sono anche degli ottimi investitori):

1. Lavorano

Hanno un’azienda e non hanno tempo di stare TUTTO il santo giorno dietro alle notizie, ai grafici o a controllare il loro portafoglio per vedere se oggi è verde o è rosso.

Sono persone impegnate.

Non sono come i nullafacenti (o come qualche impiegato imboscato che non ha niente da fare tutto il giorno) che entrano sul conto corrente ogni tre secondi per vedere se sono più ricchi di 100 euro (ed è per questo che sono potenzialmente dei PESSIMI investitori).

Rischio

2. Conoscono il rischio

Senza entrare nella teoria economica (capitalista e libertaria, ovviamente), gli imprenditori sanno che il loro utile è funzione del rischio imprenditoriale che stanno correndo.

L’imprenditore è abituato a convivere con il rischio.

Lo conosce. Lo ha visto in azione. Lo ha vissuto sulla sua pelle o su quella della sua famiglia.

Domani approvano una nuova legge che gli impedisce di far qualcosa. E rischia di fallire.

Muore un uomo chiave in azienda (o va alla concorrenza, per essere meno cruenti). E rischia di fallire.

In Cina si inventano una roba che soppianta quella che lui vende. E rischia di fallire.

Una Amazon entra nel suo settore. E rischia di fallire.

La congiuntura economica gira al ribasso. E rischia di fallire.

Sono rischi o no?

Si possono annullare o evitare queste cose?

C’è qualcuno o qualcosa che vi può garantire che non succeda?

No, non c’è nulla da fare per impedirlo, se non lavorare (vedi punto 1) per rimanere competitivi e migliori degli altri. Punto.

Si convive con il rischio di fallimento.

E la paura del rischio di fallimento è quel fuoco che sfiora le chiappe per andare più veloce.

Per far questo ci vuole indubbiamente coraggio.

E infatti essere un imprenditore (ed essere un investitore) non è per tutti.

Sennò al mondo tutti sarebbero ricchi.

Cosa che non è, non è mai stata e mai lo sarà (alla faccia di tutte le panzane sulla redistribuzione della ricchezza).

Imprenditore

3. Sanno che i soldi si creano con le aziende

A parte gli imprenditori che si sono trovati ad avere un’azienda per botta di culo o per assenza di concorrenza (ma tendenzialmente sono più artigiani che imprenditori), gli altri sanno che l’unico vero motore di ricchezza è l’azienda.

La propria, o quella altrui.

Sanno quali risultati può offrire un’azienda che cresce.

Sia come aumento del suo valore di mercato complessivo.

Sia come aumento della sua marginalità e dei suoi utili.

Economia reale. Aziende reali. Ricchezza reale.

Non debito, non mattoni, non clickclick, non pietre colorate.

Non titoli di Stato e obbligazioni pubbliche, che vanno a pagare le spese fuori controllo dello Stato.

Non gli immobili, che con la demografia negativa, gli stipendi fermi, la tassazione in aumento, vorrei capire quali prezzi i proprietari si aspettano tra 10 anni (dei falsi miti dell’investimento immobiliare ne abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo).

Non diavolerie finanziarie e derivati (opzioni, forex, cfd & co.) creati e venduti dalle banche e dalle istituzioni finanziarie per guadagnare ulteriormente come banco di questo casinò online.

Non oro e diamanti, che prendono allo stomaco e colpiscono l’immaginario dell’essere umano, perché tradizionalmente associati a ricchezza e opulenza (anche se l’investimento in oro può avere senso quando relegato a determinate funzioni).

Niente di tutto questo, ma azioni.

Creazione di ricchezza e crescita del capitale significa azioni.

Che non sono altro che un certificato di possesso di una parte del capitale di un’azienda reale.

Come spiegato ampiamente su LIXI STRATEGY, il nostro corso dedicato alla finanza personale, scelto già da migliaia di risparmiatori e investitori privati, esiste un tempo e un capitale per difendersi e accumulare denaro.

E parliamo di assicurazione, di liquidità, di investimenti di lungo termine e prudenza in generale.

Ed esiste un tempo e un capitale per attaccare.

Questo è quello che facciamo nella membership di The LiX-Files, il club esclusivo di Lixi Invest riservato agli investitori in azioni.

Alla tua sicurezza e prosperità finanziaria,

Luca

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su print
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Ci fa piacere conoscere la tua opinione, lasciaci pure un commento!x
()
x