Crisis,Concept,With,Businessman,In,A,Panic,And,Digital,Business

Guida pratica ai ribassi di mercato: come evitare che la paura distrugga irrimediabilmente i tuoi investimenti

Cosa dovrebbe fare l’investitore intelligente, nel grosso?

Comprare basso, comprare in modo continuativo, e vendere alto, o non vendere mai.

Cosa fa invece l’investitore analfabeta?

Fa quello che puntualmente non dovrebbe fare, ancora peggio quando si trova di fronte a un mercato ribassista.

In tal senso, i post di febbraio-marzo 2020 che io e il mio team abbiamo pubblicato sul nostro gruppo Facebook Wikilix – Finanza personale, a cui puoi iscriverti qui, valgono più di un master in finanza.

Crollo mercato S&P500

Perché, di fronte al crollo dei mercati di marzo 2020, mentre in tanti perdevano la testa (epica fu la diretta di un influencer finanziario che consigliava di prelevare tutti i contanti in banca perché la fine del mondo era vicina), noi di Lixi Invest non ci siamo fatti prendere dal panico e abbiamo continuato a divulgare e ad applicare la nostra strategia e filosofia.

Strategia e filosofia che si sono rivelate solide e robuste, ancor di più alla luce del +100% raggiunto dallo S&P 500 ad agosto 2021, rispetto ai minimi di marzo 2020.

Performance S&P500 gennaio 2020 - agosto 2021

Significa che avevamo previsto che i mercati si sarebbero ripresi in fretta per poi toccare in breve tempo i massimi storici?

Certamente no, lo abbiamo sempre detto che prevedere i mercati finanziari è impossibile.

Tuttavia, abbiamo anche sempre detto che i ribassi non sono una distorsione, una stranezza o un difetto del mercato.

I ribassi sono una caratteristica intrinseca del mercato.

E come tale non è questione di se, ma di quando avverranno.

Post ribasso dei mercati

A ragione di questo, siamo consapevoli che la prossima volta non sarà diverso.

Certamente cambieranno le circostanze, le motivazioni e le caratteristiche del ribasso.

Ma accadrà.

Per questo motivo ho preparato per te una piccola guida, a mo’ di cronistoria, in cui ho raccolto alcuni dei contenuti più interessanti che pubblicai sul gruppo Wikilix tra febbraio e marzo 2020, ovvero nel momento di massima paura e incertezza.

L’obiettivo di questa guida è spiegarti qual è il corretto approccio, teorico e pratico, che bisognerebbe mantenere nei confronti dei propri investimenti anche nei momenti di maggior ribasso.

Ribassi Borsa

I ribassi di breve termine sono il prezzo da pagare per ottenere i rialzi di lungo termine

Il 28 febbraio 2020 scrivevo questo (il post completo lo puoi trovare qui):  

Sulla parte di capitale che avete destinato per i vostri obiettivi di lungo termine (10 anni o più), non ve ne deve fregare NULLA di un’oscillazione del -10%, del -20% o del -50%.

[…] Non accettando questo vi precludete i rendimenti eccezionali offerti dal mercato azionario nel lungo termine.

Invece cosa vedo in giro[…]?

  • Persone che vogliono entrare e uscire dal mercato tipo interruttore
  • Persone che investono tutto quello che hanno, o stanno completamente liquide
  • Persone che se la fanno sotto per un -10% sul mercato
  • Persone che seminano visioni apocalittiche per un -10% sul mercato
  • Persone che iniziano a fare confronti con il 1929, il 2008, la Rivoluzione Francese e il Big Bang.”

 

Riguardo a ciò, in questo post del 3 marzo 2020, spiegavo che:


  • i maggiori rialzi arrivano subito dopo i maggiori ribassi, ovvero nei momenti ad elevata volatilità (violenti rialzi e violenti ribassi);
  • star fuori dal mercato per paura di ribassi implica un’elevatissima probabilità di star fuori dal mercato durante i poderosi rialzi (a meno che non possediate l’interruttore magico per entrare e uscire dal mercato con tutto il capitale al momento giusto);
  • stare fuori dal mercato durante i rialzi più poderosi mette seriamente a repentaglio i rendimenti di lungo termine, perché stare fuori dal mercato anche per soli 10 giorni su 20 ANNI dimezza il rendimento.
    E stare fuori per i 20 giorni migliori lo annulla.

Vedete voi se volete correre questo rischio per i vostri investimenti di lungo termine.

Questa è l’unica vera FOMO (fear of missing out, paura di stare fuori dal mercato) che dovete avere.”

La verità è dunque questa: i ribassi di breve termine sono il prezzo da pagare per ottenere i rialzi di lungo termine.

Se ti si ritorce troppo lo stomaco anche solo per un -5%, un -10% o un -20%, non investire.

Vuol dire che questa attività non fa per te.

Un aspetto che non devi mai dimenticare

Il 13 marzo 2020, a seguito di uno dei crolli più violenti della storia, scrissi questo post:

Dovete ricordare che le quotazioni giornaliere in Borsa rappresentano il prezzo attuale. Non il valore di ciò che avete comprato, o intendete comprare.

E se sino a 30 giorni fa questi prezzi potevano sembrare sopravvalutati, oggi questi prezzi iniziano a sembrare sottovalutati.

Sul mercato azionario, ricordate sempre, non state comprando cartastraccia, o contratti, o debiti.

State comprando quote di aziende.

[…]Ma di sicuro vi voglio dire che, nonostante il prezzo sia sceso tanto (ripeto, siamo tornati a dicembre 2018, per ora), il valore intrinseco dei vostri asset e investimenti è grosso modo sempre lo stesso.

Post crollo mercati
Che cosa non bisogna mai fare durante un mercato ribassista

In Lixi Invest siamo dei sostenitori della cosiddetta “via negativa”.

Ovvero, prima ancora di imparare cosa fare, è bene imparare cosa non fare.

“Ditemi solo dove morirò, così eviterò di andarci”, diceva Charlie Munger, grande investitore e socio di Warren Buffett.

Alfabetizzazione finanziaria significa dunque per noi conoscere, capire e mai dimenticare cosa non fare.

Chi e cosa evitare, a cosa stare attenti, quali sono i pericoli più grandi, in che modo veniamo tratti in inganno.

Che cosa dunque non bisognerebbe fare sui mercati finanziari durante un mercato ribassista?

Senti che cosa scrivevo in questo post del 16 marzo 2020:

“Rispondo a una domanda, qualche volta genuinamente curiosa, altre volte un po’ troppo ingenua, che sicuramente frulla in testa a tanti.

“Ma non è meglio stare fuori dal mercato e poi rientrare a prezzi più bassi quando è passata la tempesta?”

La risposta che, ahimè, vedo fornire costantemente da “addetti ai lavori” e presunti professionisti, è SÌ.

Vi spiego in alcune parole e qualche dato perché la risposta è NO.

Pensare di poter entrare e uscire dal mercato “a chiamata”, porta con sé alcune aspettative fallimentari e dannose per i vostri investimenti di lungo termine, che sono:

  • riuscire ad azzeccare il tempo di uscita (sui massimi). Auguri.
  • riuscire ad azzeccare il tempo di entrata (sui minimi). Nuovamente auguri.

Ora, azzeccare il tempo di uscita, quindi la chiamata di “grande ribasso” e “nuova crisi”, è addirittura relativamente più facile.

Basta gridarlo un sufficiente numero di volte, e in un lasso di tempo sufficientemente lungo, e prima o poi ci si prende.

Come il tradizionale orologio rotto che segna l’ora giusta due volte al giorno.

[…]Poniamo quindi il caso che il nostro eroe abbia azzeccato il tempo di uscita.

La domanda che si pone ora è: quando rientrare sul mercato?

La questione è ancora più complessa e senza una risposta prevedibile e ragionevole della prima domanda.

Perché se l’inizio di un possibile RIBASSO sul mercato o di un momento economico negativo viene costantemente “chiamato” dalla stampa, da qualche report o da qualche guru, generando così centinaia di “falsi allarmi”, nessuno invece vi avviserà quando sarà nuovamente il momento di investire.

Vi sarà chiaro DOPO, ma DOPO sarà troppo tardi. E avrete già perso il treno del rialzo.

[…] Se avete accantonato la liquidità necessaria per il breve termine, vendere ora è un errore.

Se avete accantonato la liquidità necessaria per le emergenze, vendere ora è un errore.

Se siete entrati gradualmente sul mercato e non in “all-in”, e quindi avete la liquidità necessaria per continuare a investire, vendere ora è un errore.

Se avete acquistato degli investimenti azionari diversificato per raggiungere gli obiettivi di lungo termine, vendere ora è un errore.

Come ti accennavo all’inizio, il risparmiatore medio, puntualmente, a ogni ribasso, fa quello che non deve fare.

Ovvero vende ai minimi, anziché comprare ai minimi. 

E chi è che vende?

Chi non ha pianificato.

Chi non è consapevole del rischio.

Chi non era preparato mentalmente al ribasso.

Ribassi e recessioni, citazione Lynch

Strategia a bilanciere: questo è l’approccio da seguire

Ora nonostante tu sappia che i ribassi di mercato sono una caratteristica del mercato stesso e che proprio in virtù dei ribassi esistono anche i rialzi, è chiaro che al momento del dunque, vedere il proprio gruzzolo destinato agli investimento di lungo termine momentaneamente in perdita non fa certamente piacere e potrebbe farti sentire in ansia.

Per questo motivo, da anni spieghiamo che l’approccio da seguire negli investimenti è quello a bilanciere (approccio che deve essere ovviamente attuato prima di finire nella tempesta).

Senti che cosa scrivevo qui, il 12 marzo 2020:

“L’approccio da seguire è questo descritto, a bilanciere.

Non rischiare dove non potete permettervi di rischiare.

Rischiare (per raggiungere un rendimento) dove potete permettervi di rischiare.

[…] I soldi per liquidità, emergenze e acquisti a breve sono ragionevolmente sicuri?

Dormite sereni (sempre vigili), e mi auguro che rimangano semplicemente un cuscinetto psicologico, più che reale.

I soldi per costruire e far crescere il vero gruzzolo sono adeguatamente investiti e diversificati, e pianificate di averli a disposizione anche tra 10, 15, 20 anni?

Mentalità di lungo termine, visione d’insieme, stare sulla strategia, al massimo aggiornarla, assicurarsi di aver attivato correttamente tutte le procedure di disinnesco emergenze (PAC, liquidità a disposizione, obiettivi e orizzonti temporali chiari, rischio coerente).

E barra dritta.

Ecco, questo era ed è sempre stato il mio consiglio, anche nei momenti di massima tensione.

Rimanere sulla strategia che ci si è adeguatamente costruiti in tempo di pace.

Strategia che noi in Lixi Invest spieghiamo nella pratica all’interno di Lixi Plannix, la nostra soluzione dedicata alla pianificazione finanziaria che ti consentirà di essere completamente autonomo e sicuro nella gestione dei tuoi soldi e dei tuoi investimenti.

Per verificare tu stesso la solidità del nostro metodo e della nostra filosofia di investimento, nonché del nostro servizio clienti, anche durante un momento incerto e buio come quello di marzo 2020 (perché di fronte a dei mercati rialzisti tutti sono capaci di far bene), ti lascio qui sotto qualche testimonianza dei nostri clienti (ne puoi leggere altre qui, su Trustpilot):

Testimonianza
Testimonianza
Testimonianza
Testimonianza
Testimonianza

Alla tua sicurezza e prosperità finanziaria,

Luca

di Luca Lixi

Fondatore e CEO di Lixi Invest

Share

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Sonia Tenderini
Sonia Tenderini
22/08/2021 15:08

Grazie per i tuoi consigli frutto di grande competenza,spiegati in modo semplice,chiara e esaustiva

wikilix
Accedi al gruppo Facebook Wikilix, al suo interno gni giorno decine di migliaia di partecipanti vengono aiutati da Luca e dal suo team a prendere decisioni più consapevoli sulle proprie finanze personali.

Potrebbe interessarti anche