domande-da-50.000-non-da-5

Fatti domande da 50.000 euro, non da 5 euro

di Lorenzo Brigatti

Risparmiare è un comportamento che viene naturalissimo ad alcuni, ed è difficilissimo per altri. Esiste però una tecnica molto efficace che migliorerà istantaneamente la tua capacità di risparmio, non importa di quale gruppo tu faccia parte.

L’arte del risparmio

Fin da piccolo sono stato abituato a risparmiare.

I miei genitori hanno una cultura del risparmio molto forte, e l’ho ereditata anch’io.

Per anni sono stato il tipo di persona che poteva spendere delle mezzore per capire come mai un prodotto costasse 10 euro più di un altro che sembrava uguale, oppure che non capiva come una bottiglietta d’acqua in spiaggia potesse costare 5 euro, quando portandosela da casa si poteva pagare meno della metà.

Questo approccio al risparmio è visto da moltissimi come estremo (giustamente), ed è anche la ragione per cui tante persone decidono di nascondere la testa sotto la sabbia quando si tratta di risparmiare e usare un budget.

Rendicontare tutte le proprie spese suona come un incubo.

Ed ecco che il risparmio, uno dei pilastri fondamentali della finanza personale, diventa una roba pallosa da evitare, con l’aggravante che chi ne avrebbe più bisogno ed ha le mani più bucate, lo snobba completamente.

Ma questi approcci al risparmio, sia quello più intransigente che quello più spensierato, possono essere superati da un approccio nuovo, che prende il meglio di entrambi.

Questo approccio è riassunto dal titolo che leggi sopra.

“Fatti domande da 50.000 euro, non da 5 euro.”

In altre parole, fai molta attenzione a come spendi quando sei in presenza di spese molto grosse e sii più rilassato con le piccole spese di tutti i giorni.

Non perdere tempo a chiederti se prendere il caffè un paio di volte la settimana e pagarlo 2 euro sia un grosso problema per le tue finanze.

Non lo è.

O se lo è, il vero problema è che il tuo reddito è troppo basso.

Impazzire per il caffè da 2 euro è una conseguenza di questo problema e non lo risolverà.

 

Qualche esempio pratico

Quali sono quindi le spese più importanti su cui concentrare la propria attenzione e non spendere soldi a caso?

Ecco qui qualche esempio pratico:

1. L’acquisto della casa

Qui mi riferisco all’acquisto della prima casa, quella che compri con l’intenzione di viverci dentro.

E come abbiamo già visto, la prima casa non è un investimento.

Essendo un acquisto molto emozionale, capisco che tu non voglia badare a spese e scegliere solo il meglio per te.

Ma questo desiderio, legittimo, può manifestarsi nel modo sbagliato.

Ad esempio, decidendo di pagare molto di più del valore di mercato al momento dell’acquisto.

Oppure strozzandosi prendendo un mutuo lunghissimo con una quota interessi molto rilevante.

Oppure ancora sottovalutando l’importo delle spese di ristrutturazione per rendere il tuo nuovo nido ancora più perfetto.

Fare anche solo una scelta sbagliata in questa situazione ti può costare 20 o 30.000 euro.

15.000 caffè da due euro, per capirci.

2. L’acquisto dell’automobile

Anche la macchina è un acquisto molto emozionale, perché è uno degli oggetti più usati per esprimere la nostra personalità e il nostro status.

Ed ecco che in fase di acquisto si finisce per aggiungere un sacco di optional inutili, solo perché 3-4000 euro in più per acquistare una macchina di 50.000 euro non ci sembrano granché.

Sei davvero sicuro di voler pagare questa cifra per sedili autoriscaldanti o qualche altra comodità a cui ti abituerai dopo 2 settimane?

Ecco, per questa comodità che ha un impatto limitatissimo sulla tua felicità hai appena speso l’equivalente di 2000 caffè da 2 euro.

Un ordine di grandezza completamente diverso.

3. L’acquisto di qualsiasi altro bene che impegni una cifra importante del tuo capitale disponibile

Per qualcuno potrebbe essere il nuovo iPhone, per altri una barca nuova.

Tutte quelle spese che sono pari almeno al 50% delle tue entrate mensili meritano una pausa di riflessione, per capire se sono cose che vuoi davvero e ti possono migliorare sensibilmente la vita, oppure sono capricci del momento piuttosto costosi.

Attenzione, fare questo discorso non significa smettere di fare acquisti importanti, ma solo imparare ad essere onesti con se stessi.

Bastano due domande, prima di procedere all’acquisto.

Ne ho davvero bisogno?

Questo acquisto aumenterà la mia felicità o la mia soddisfazione in modo duraturo?

Se la risposta ad almeno una di queste domande è un onesto si, puoi procedere all’acquisto senza rimpianti.

Il risparmio è una maratona

Utilizzando con costanza il metodo che hai visto in questo articolo, imparerai a prendere le grandi decisioni economiche con più attenzione e non butterai i soldi dalla finestra.

E non ti ho ancora dato la notizia più bella.

Con questo approccio potrai essere molto più rilassato quando decidi di spendere i tuoi soldi per le decisioni più piccole.

Come hai visto, questo tipo di spese ha un impatto molto basso sulla tua situazione finanziaria, ma ne ha uno molto più consistente sulla tua soddisfazione personale, e per questo sono un ottimo “investimento”.

Paradossalmente, concederti qualche sfizio qui e là ti renderà più soddisfatto e finirai per spendere meno soldi rispetto a tentare di vivere come un monaco benedettino per poi scoppiare sotto il peso dei sacrifici.

Il risparmio, proprio come gli investimenti, non è uno sprint, ma è una lunga maratona e per poterla completare devi sceglierti una situazione finanziaria comoda, che ti permetta di risparmiare ed investire con facilità.

E vedrai che con questo nuovo approccio risparmiare ti verrà molto più facile ed automatico.

A presto,

Lorenzo

di Lorenzo Brigatti

Behavioral Finance Editor e Product Manager di Lixi Invest

Share

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
wikilix
Accedi al gruppo Facebook Wikilix, al suo interno gni giorno decine di migliaia di partecipanti vengono aiutati da Luca e dal suo team a prendere decisioni più consapevoli sulle proprie finanze personali.

Potrebbe interessarti anche